con il patrocinio di...

La vaccinazione contro il meningococco nel Veneto

Notizia

La meningite è un’infiammazione delle meningi, membrane che avvolgono il cervello e il midollo spinale. La malattia è generalmente di origine infettiva, si trasmette attraverso il contatto con le secrezioni orali o le goccioline di saliva. La forma batterica è rara ma estremamente grave, e può avere conseguenze fatali. Il più temuto tra gli agenti batterici responsabili che causano la meningite è un batterio denominato Neisseria Meningitidis detto anche Meningococco. Sono attualmente noti tredici tipi (sierotipi) di meningococco, ma solo alcuni sono rilevanti dal punto di vista clinico e capaci di provocare malattia ed epidemie: il più aggressivo tra questi è il meningococco di sierogruppo C, che insieme al B è il più frequente in Italia e in Europa. I bambini piccoli e gli adolescenti sono le fasce più a rischio di contrarre l’infezione e la malattia.

In base ai dati forniti dall’ Istituto Superiore di Sanità, nel 2015 e nel 2016 si sono verificati in Italia quasi 200 casi per anno di malattia invasiva da meningococco, la maggior parte dei quali causati dai sierogrupppi B e C. L’andamento rispecchia comunque il trend degli ultimi anni e l’analisi dei dati quindi conferma che non esiste alcuna evidenza di emergenza di sanità pubblica a livello nazionale.

Nella Regione Veneto,l’andamento dei casi di meningite in questo periodo rientra nella media annuale regionale e nazionale e non desta particolari preoccupazioni. Tuttavia è estremamente importante però che i vaccini ad oggi disponibili per proteggere da questa malattia siano somministrati alle categorie più esposte (bambini, adolescenti e categorie a rischio), così come previsto dal calendario vaccinale, ricordando l’importanza di prevenire anche tutte le altre malattie infettive su cui l’attenzione va mantenuta alta.

OFFERTA VACCINALE NELLA REGIONE VENETO

La scheda vaccinale attualmente in vigore nel Calendario Vaccinale della Regione Veneto prevede:

  • la vaccinazione tetravalente (ACWY) per tutti i nuovi nati al 13° mese di vita e per tutti adolescenti (14-15 anni);
  • la vaccinazione anti meningococco B per i nuovi nati a partire dal 2015 (al 7°, 9° e 15° mese di vita).

La vaccinazione tetravalente ACWY e quella anti meningococco B sono inoltre raccomandate per determinate categorie a rischio, ovvero in caso di:

  • asplenia anatomica o funzionale;
  • immunodeficienza congenita e acquisita (compreso HIV);
  • condizioni associate a immunodepressione (es. trapianto d’organo, terapia antineoplastica);
  • deficit fattori del complemento (C5-C9), difetti del toll like receptors di tipo 4 e della properidina;
  • emoglobinopatie (in particolare anemia falciforme e talassemia in quanto causa di asplenia funzionale);
  • trapianto di midollo osseo;


COSTI

La vaccinazione tetravalente ACWY è gratuita per tutti i nuovi nati al 13° mese di vita e agli adolescenti (14-15 anni di età) ed è inoltre offerta gratuitamente su richiesta a tutti i soggetti fino ai 18 anni compiuti (sia i ritardatari, sia i vaccinati solo con il vaccino contro il meningococco C) e per i soggetti con condizioni di rischio; è a pagamento su richiesta per coloro che non sono inclusi in queste categorie (costo tra i 41 e i 46 euro).

La vaccinazione per il meningococco B è offerta gratuitamente a tutti i nuovi nati a partire dalla coorte dei nati del 2015 e ai soggetti con particolari condizioni di rischio; è a pagamento su richiesta per coloro che hanno più di 18 anni compiuti e non appartenenti alle categorie a rischio (tra gli 83 e gli 84 euro a dose) e per i minori di 18 anni nati prima del 2015 e non inclusi in categorie a rischio (al costo di 50 euro a dose).

Per i soggetti residenti in Veneto che si recano per lunghi e continuativi periodi in Toscana (es. lavoratori e studenti fuori sede), è prevista la somministrazione gratuita della vaccinazione tetravalente ACWY su richiesta:

  • per i soggetti sino ai 18 anni compiuti (come da calendario vaccinale regionale);
  • alle persone dai 18anni compiuti che studiano o lavorano nelle province di Firenze, Prato e Pistoia;
  • alle persone tra i 18 e i 45 anni che lavorano o studiano nelle province di Massa e Carrara, Lucca, Pisa, Livorno, Grosseto, Siena, Arezzo;
  • per coloro che avessero già eseguito una dose di vaccino contro il meningococco C, viene somministrata un’ulteriore dose di vaccino tetravalente ACWY, su esplicita richiesta;

Viene offerta somministrazione della vaccinazione tetravalente ACWY su richiesta con partecipazione al costo della spesa secondo il tariffario regionale:

  • alle persone oltrei 45 anni di età che lavorano studiano nelle province di Massa e Carrara, Lucca, Pisa, Livorno, Grosseto, Siena, Arezzo
  • alle persone che non rientrano nelle categorie sopra menzionate.