con il patrocinio di...

Viaggi e vaccinazione


Negli ultimi anni si è osservato un forte incremento di viaggi internazionali, specie in aree tropicali, per scopi professionali, sociali, ricreativi e umanitari. Sempre più persone viaggiano a grandi distanze e con maggior frequenza esponendosi ad una varietà di rischi sanitari in ambienti non familiari. Troppo spesso, inoltre, un viaggio è affrontato senza la necessaria preparazione, senza conoscere i rischi legati a soggiorni, anche brevi, in Paesi con condizioni igienico- sanitarie e di vita profondamente diverse dalle nostre.

È importante che i viaggiatori, prima di partire, ricevano informazioni corrette e il più possibile personalizzate sulla base delle caratteristiche del viaggio, del periodo di permanenza, della stagionalità e del proprio stato di salute. I problemi di salute che si verificano durante un viaggio sono generalmente banali, ma comunque possono rovinare il piacere del soggiorno, compromettendo una vacanza da tempo preparata ed attesa Una pianificazione anticipata del viaggio, l’adozione di adeguate precauzioni e il sottoporsi alle opportune vaccinazioni possono sostanzialmente ridurre i rischi di conseguenze avverse per la salute. I viaggiatori che intendono visitare particolari destinazioni dovrebbero consultare l’ambulatorio per la prevenzione delle malattie del viaggiatore della ULSS di appartenenza o rivolgersi al proprio medico curante.

Questo deve avvenire prima della partenza (almeno un mese), specie se potrebbero essere richieste o consigliate delle vaccinazioni. Anche per i viaggiatori dell'ultimo minuto, prima di partire, sarebbe prudente consultare un medico per ricevere indicazioni sulle vaccinazioni, sui farmaci da portare in viaggio, sulla chemioprofilassi antimalarica.

Contenuti disponibili