con il patrocinio di...

Calendario vaccinale


Il Piano Nazionale Prevenzione Vaccinale (PNPV) fornisce alle Regioni un calendario vaccinale di riferimento, affinché possa essere garantito uniformemente il diritto alla prevenzione vaccinale e delinea “gli schemi ottimali per un’offerta di servizi vaccinali sicuri, efficaci ed efficienti”, sebbene il documento non entri nel merito delle modalità organizzative dell’offerta vaccinale, che risulta invece di competenza delle Regioni.

Il calendario vaccinale rappresenta un’utile guida per operatori sanitari dei servizi vaccinali, medici di medicina generale, pediatri e anche per i genitori, ma soprattutto diviene lo strumento di attuazione delle strategie vaccinali di ogni singola Regione e/o Provincia autonoma. In particolare alle Regioni spetta il compito di tradurre in pratica gli indirizzi del PNPV: ogni Regione redige il calendario vaccinale, definendo le vaccinazioni non incluse nei LEA e le modalità della compartecipazione alla spesa.

Con la Deliberazione della Giunta Regionale n. 1564 del 26 agosto 2014 è stato approvato il nuovo Calendario Vaccinale della Regione del Veneto. Rispetto al vecchio calendario vaccinale (approvato con la DGR n.411/2008) sono state apportate le seguenti modifiche:

  • Viene inserito il vaccino difterite - tetano - pertosse - polio in sostituzione del vaccino difterite - tetano - pertosse per i 14-15enni;
  • Viene sostituito il vaccino anti pneumococcico polisaccaridico 23 valente con il vaccino pneumococcico coniugato 13 valente e viene offerto alla coorte dei nuovi 65enni;
  • Viene sostituito il vaccino coniugato anti meningococco C con la formulazione tetravalente (Men ACWY coniugato) e viene offerto ai nuovi nati al 13° mese di vita oltre che agli adolescenti (14-15enni) non vaccinati in precedenza, non viene più offerto al 6° anno per il ricongiungimento delle coorti;
  • Viene introdotto il nuovo vaccino contro la meningite da meningococco gruppo B per i nuovi nati dalla coorte dei nati 2015 (al 7°, 9° e 15° mese di vita);
  • Viene offerto il vaccino difterite - tetano invece dell'antitetanico ai soggetti 65enni con anamnesi negativa per vaccinazione antitetanica ed antidifterica (ciclo completo). Se sono trascorsi 10 anni dall'ultima dose si somministra una dose di richiamo;
  • La vaccinazione morbillo - parotite - rosolia al 14° mese di vita può essere somministrata oltre che utilizzando il vaccino quadrivalente anche con il trivalente morbillo - parotite - rosolia + varicella, mentre per la seconda dose a 5-6 anni in assenza di condizioni di rischio utilizzare prioritariamente il vaccino quadrivalente (MPRV);
  • Viene estesa l'offerta attiva del vaccino anti papilloma virus ai dodicenni di sesso maschile a partire dalla coorte dei nati 2004. Per le coorti dal 2001 al 2003 l'offerta sarà gratuità su richiesta.

Congiuntamente al nuovo Calendario Vaccinale sono state approvate le indicazioni e le modalità operative per le vaccinazioni nei soggetti a rischio (allegato B della DGR n. 1564 del 26 agosto 2014). Le vaccinazioni indicate per i soggetti a rischio saranno offerte, da parte delle Ulss, in modo attivo e gratuito.

Con questo nuovo Calendario, che ha ampliato in maniera consistente l’offerta vaccinale, il Veneto si pone fra le prime regioni in Italia e nel mondo in quanto ad offerta preventiva per le malattie infettive prevenibili con vaccino.